dove mettere il profumo

Perché è così importante scegliere dove mettere il profumo? Ci sono dei punti del corpo in particolare dove, andando a mettere una fragranza, questa si sprigiona con maggiore intensità. Infatti bisogna applicare il profumo nelle zone pulsanti del corpo, cioè quelle dove la pressione del sangue è più forte. La pelle in questi punti irradia calore, il che va ad enfatizzare le note olfattive contenute nella fragranza vaporizzata.

Qui di seguito ti sveliamo quindi dove spruzzare il profumo, per aiutarti a prolungarne la durata sulla pelle e facilitarne, tra un movimento e l’altro, il diffondersi tra le narici di chi ti sta intorno.

  1. Il collo: insieme alla nuca, il collo è il punto tradizionale in cui il profumo viene applicato dalla maggior parte delle persone. Se il tuo obiettivo è sedurre, ammaliare o semplicemente non passare inosservata/o, sappi che questo è il punto migliore per creare la cosiddetta “scia”!

  2. I polsi: anche questa è una delle zone del corpo più usate per il profumo, ma bisogna fare molta attenzione! Infatti, una volta applicate le gocce della fragranza devi assolutamente evitare di strofinare i polsi tra loro. Questa azione porta a far surriscaldare la pelle, e di conseguenza a rovinare la fragranza, diminuendone la persistenza in modo drastico.

  3. Le orecchie: ti è mai capitato di metterti del profumo sui polpastrelli per poi applicarlo dietro l’orecchio? Anche se in modo inconsapevole, hai trovato un altro punto “pulsante” del tuo corpo, perfetto quindi per l’applicazione del profumo. Ma anche qui c’è da prestare attenzione: per non rischiare di rovinare i capelli con l’alcool presente nella fragranza, è meglio optare per un’acqua profumata.

  4. L’ombelico: un posto inaspettato, vero? Se i profumi rendono maggiormente quando spruzzati in zone cave e calde, allora capirai perché l’ombelico è paragonabile a un vero e proprio diffusore di essenze! Qui le note di cuore e di fondo si sprigionano molto lentamente, garantendo una persistenza davvero al top!

  5. Dietro alle ginocchia: indicato soprattutto per le donne, il profumo spruzzato in questa parte del corpo dà vita ad una fantastica scia. Basti pensare ad una serata in un locale, o ad una passeggiata: la zona del retro ginocchia è in costante movimento, e genera pertanto una gran quantità di calore grazie alla quale la fragranza, dal basso, salirà gradualmente verso l’alto con il passare delle ore.

  6. Tra i seni, o sul torace: nel Medioevo era molto diffusa tra le donne l’usanza di profumare lo spazio tra i seni, mentre per gli uomini il torace. Zone del cuore rispettivamente di lei e di lui, se si desidera sedurre qui il profumo è tutto a proprio favore: nei momenti di contatto più intimo, la fragranza ha un passaggio privilegiato verso l’alto, e quindi verso il naso.


Che la si usi per conquistare o per affermare la propria personalità, ogni fragranza va ad ogni modo spruzzata con parsimonia, soprattutto se si tratta di formulazioni con alta concentrazione di oli essenziali (come i parfum o gli eau de parfum). La prima regola è quindi quella di non eccedere negli spruzzi, perché bastano solo poche gocce per godere appieno di un’ottima profumazione. La seconda regola, invece, è quella di spruzzare il profumo ad almeno 15-20 cm dal proprio corpo, in modo da far ripartire in modo corretto le gocce vaporizzate su tutta la zona interessata.